03Maggio

“MIO FIGLIO CAMBIA SPORT TROPPO SPESSO, COME FACCIO?”

I bambini sono naturalmente curiosi. Vogliono sapere tutto, sperimentare tutto. Imparano a conoscere il mondo, cercano esperienze entusiasmanti e nuove scoperte. In giro, poi, ci sono così tante cose interessanti!

Quando un bambino è curioso e mostra interesse per diversi tipi di attività, è una cosa fantastica. Tuttavia, ci sono bambini che si lasciano trasportare e sono incostanti, "saltano" da uno sport all'altro, senza fermarsi da nessuna parte per molto tempo. Si annoiano rapidamente di tutto, cercano qualcosa di nuovo. Sono in eterna ricerca, insomma.

Un bimbo di questo tipo chiede ai suoi genitori ad essere iscritto, ad esempio, a scherma bambini. Dopo un po' di tempo, decide a giocare calcio. E lì tutto è nuovo e interessante.

A quel punto, il bambino inizia a persuadere i suoi genitori che il calcio è ciò che ha sempre sognato e che la scherma non gli piace. Non passa molto tempo, e il ragazzino ha di nuovo trovato un nuovo hobby: l'hockey. E ancora una volta si ripete la stessa storia, e il calcio non piace più.

Come affrontare tale incostanza e come reagire? 

Ecco i nostri 5 consigli per restare nella scherma.

1. Il bambino è venuto al club sportivo di scherma. L’ha provata, ma non gli è piaciuta.

Sono sicura che il ragazzo semplicemente non ha avuto il tempo e l'opportunità di conoscere bene la scherma, per scoprire tutta la versatilità di questo meraviglioso sport. 

Consiglio

Parla con tuo figlio, concorda un certo periodo in cui continuerà a frequentare gli allenamenti. Chiedi a un istruttore di aiutarti a mantenere vivo l'interesse di tuo figlio per la scherma. Allo stesso tempo, il coach dovrebbe diversificare lo svolgimento degli allenamenti, rendendoli divertenti, eccitanti, in modo che i bambini siano interessati. Questo è particolarmente vero per i principianti e per gli atleti molto giovani.

2. Il bambino si impegna nella classe di scherma. Qualcosa però non funziona e non ottiene risultati. È arrabbiato e pensa che andrà sicuramente meglio in un altro sport.

Consiglio

Spiega a tuo figlio che se ha paura delle difficoltà nella scherma, lo stesso accadrà in altri sport. I problemi devono essere risolti e non evitati, sia nello sport che nella vita di tutti i giorni. Prova insieme a lui a guardare la situazione da un altro punto di vista. Le difficoltà che sorgono sono interessanti. Questa è una nuova sfida alla quale è necessario trovare una soluzione. Stabilisci un obiettivo per tuo figlio, e solo dopo averlo raggiunto potrà cambiare occupazione. Ad esempio, potrà decidere di passare ad un altro sport solo dopo essere stato in grado di eseguire un esercizio difficile che non ha funzionato in alcun modo, vincere un torneo, sconfiggere un avversario specifico, ecc. Forse, risolto il problema, il bambino non vorrà più rinunciare alla scherma.

3. Il bambino si impegna nella scherma. Tutto procede come al solito, ma giunge un momento di stanchezza, quando si è stufi di tutto. Vuole mollare tutto e iniziare qualcosa di nuovo.

 Consiglio

Cerca di far capire al bambino che vale la pena apprezzare il tempo trascorso nella sala di scherma, apprezzare le abilità e le capacità acquisite lì. A volte una breve pausa dalle lezioni può aiutare a risolvere il problema. 

Per gli allenatori: organizzate più eventi all’interno del club di scherma (compleanni, premiazioni nelle competizioni, vacanze) per avvicinare i membri del club e fare amicizia. In questo modo la scherma diventerà non solo una buona occasione di fitness per i ragazzi, ma anche un club dove trovare amici e chiacchierare con loro. E nessuno lascerebbe mai il posto in cui si sente bene e che trova interessante.

4. Il bambino va all'allenamento. Ma c’è qualcosa che non va nel rapporto con i coetanei del club. Nessun amico, nessuno con cui comunicare. Il bambino è a disagio e vuole andarsene.

 Consiglio / esempio

C'è stato un caso nel nostro club. Un allenatore aveva una squadra di ragazze piccola ma affiatata. E quindi a tutte non piaceva una atleta che non andava bene alla loro compagnia. Le ragazze hanno apertamente dimostrato il loro atteggiamento negativo nei confronti della compagna, la prendevano in giro, la ignoravano, a volte tutto questo si trasformava addirittura in una vera e propria persecuzione.

L'atleta ha perciò pensato di cambiare società e sport.

I suoi genitori sono stati abbastanza saggi da chiedere ad un altro allenatore del nostro club di portarla da lui. Il nuovo istruttore ha quindi posto una domanda a questa atleta: "Vuoi che le persone che ti hanno bullizzato vincano? Se rinunci alla scherma per colpa loro, allora loro avranno vinto. Dopo tutto, questo è esattamente quello che volevano”.

Forse dovresti fare diversamente, restare nella scherma, realizzare il tuo sogno e raggiungere il successo, svergognando così i tuoi nemici ?!"

La ragazza non ha per fortuna rinunciato alla scherma. Come parte della squadra nazionale cadetti e juniores, ha difeso l'onore del suo paese ai Campionati Mondiali ed Europei. Ha ottenuto molte vittorie e medaglie in vari tornei. Ma il gruppo delle sue compagne maligne non ha nulla di cui vantarsi.

5. Il bambino si allena e tutto sembra andare bene, ma vuole cimentarsi comunque in qualcos'altro.

Consiglio

Perchè no.

Incoraggia tuo figlio a non smettere la scherma, ma a combinare entrambi gli sport per un po' di tempo. Forse questi due hobby diventeranno importanti per lui.

Posted in Pratica di scherma

Leave a comment

You are commenting as guest.


Contacts


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Christian Barozzi: +41 78 920 88 75

Newsletter